Covid-19: Breve guida di Igiene Orale domiciliare

La paura del CoronaVirus ha allarmato l’intera popolazione, molte sono le notizie che circolano sul web che contribuiscono a generare paura anche nei pazienti odontoiatrici.

Questa situazione sta mettendo a dura prova il nostro Sistema Sanitario Nazionale e tutti gli operatori sanitari sono chiamati a collaborare al fine di far rispettare le regole necessarie affinché questa pandemia possa essere controllata in tempi relativamente brevi.

Negli studi odontoiatrici gli standard di sicurezza sono estremamente elevati, idonei a prevenire potenziali infezioni batteriche e virali che potrebbero verificarsi nella pratica quotidiana, e tutto il personale è formato per far fronte al problema delle infezioni crociate, oggi ci troviamo a combattere con questo virus, il Sars-CoV-2 (Covid-19), altamente trasmissibile attraverso saliva ed aerosol che si forma nel raggio di azione nel quale, attorno al paziente, operano dentisti,igienisti dentali ed assistenti alla poltrona.

Le limitazioni, in seguito al DPCM 11 Marzo 2020 si sono estese anche agli studi odontoiatrici che hanno dovuto modificare la propria attività professionale, in modo da gestire responsabilmente gli accessi deferendo tutti quei trattamenti non urgenti e quindi… anche le sedute di igiene orale professionale sono state posticipate.


Il mantenimento dello stato di salute del nostro cavo orale però non può essere “fermato o posticipato”, dobbiamo continuare a prenderci cura della nostra bocca e del nostro sorriso! 😉
Ecco quindi qualche utile consiglio dalla vostra igienista 😊


CONSIGLI PER UNA BUONA IGIENE ORALE DOMICILIARE:

  1. Lavare i denti 3 volte al giorno, dopo i pasti principali (colazione, pranzo e cena), per almeno 3 minuti. Importantissimo la sera prima di andare a dormire per evitare la proliferazione dei batteri durante la notte.
  2. Se assumiamo alimenti acidi (crostacei, uova, salumi, caffè, thè, coca cola, agrumi, ananas, mango, pompelmo ecc..) è consigliabile aspettare 30 minuti prima di lavare i denti per evitare di poter lesionare lo smalto che è stato “ammorbidito” dall’acido.
  3. Utilizzare un dentifricio che contenga la giusta quantità di fluoro. Per i bambini esistono dentifrici con fluoro dosato in base all’età. Inoltre il dentifricio non deve essere troppo abrasivo e questione molto importante…i dentifrici sbiancanti vanno usati in modo sporadico perché contengono sostanza abrasive che possono danneggiare lo smalto. (Approfondiremo questo argomento in un altro articolo 😉)
  4. Utilizzare la corretta tecnica di spazzolamento:

. Spazzolino manuale: Caratteristiche

  • con setole medie, mai dure. Morbide solo su indicazione dell’odontoiatra/igienista
  • le setole devono essere tutte della stessa altezza e la testina non troppo “lunga”
  • deve essere sostituito circa ogni 3 mesi, o comunque quando è visibile l’usura delle setole.

https://amzn.to/2YNGayf

. Spazzolino manuale: Tecnica di spazzolamento

  • decidere un ordine, un circuito da seguire (arcata superiore o inferiore, da destra o da sinistra)
  • iniziare a spazzolare la parete esterna dei denti
  • inclinare lo spazzolino di 45° rispetto al dente per consentire alle setole di rimuovere la placca dal margine tra dente e gengiva
  • eseguire un movimento rotatorio (circolare) per 3/4 volte e successivamente un movimento verticale o “a rullo” dal rosa (gengiva) verso il bianco (dente) e ripetere per 4/5 volte
  • ripetere il punto precedente su tutti i denti dell’arcata superiore esternamente ed internamente e ripetere per l’arcata inferiore
  • infine detergere la superficie occlusale (masticatoria) con dei movimenti avanti e indietro.

. Spazzolino elettrico: Caratteristiche

  • utilizzare la testina tonda
  • inizialmente utilizzare una testina “sensitive” per abituarsi, successivamente si può decidere di passare alla testina “classica” oppure continuare con la testina sensitive
  • si consiglia spazzolino con sensore di pressione visivo per evitare di essere troppo aggressivi
  • sostituire la testina ogni 3 mesi, o comunque quando è visibile l’usura delle setole.

https://amzn.to/3b3RI2v

https://amzn.to/35xdb2Z

. Spazzolino elettrico: Tecnica di spazzolamento

  • decidere un ordine, un circuito da seguire (arcata superiore o inferiore, da destra o da sinistra)
  • iniziare a spazzolare la parete esterna dei denti
  • posizionare le setole in prossimità del margine tra dente e gengiva e attivare lo spazzolino
  • mantenere la testina in quella posizione per 5 secondi e detergere un dente alla volta
  • ripetere il punto precedente su tutti i denti dell’arcata superiore esternamente ed internamente e ripetere per l’arcata inferiore
  • infine detergere la superficie occlusale (masticatoria) con dei movimenti avanti e indietro.

5. Utilizzare il filo interdentale o gli scovolini almeno una volta al giorno, preferibilmente la sera prima di andare a dormire. È un passaggio fondamentale per pulire correttamente gli spazi tra un dente e l’altro; perché in quegli spazi le setole degli spazzolini non riescono ad arrivare.

https://amzn.to/3dnJu6T


Ma come si usa correttamente il filo interdentale?
Molte persone lo utilizzano regolarmente, ma aimè con scarsi risultati perché sfortunatamente nessuno gli ha mai spiegato la tecnica corretta rendendo così totalmente inefficacie la fatica fatta.
Erroneamente si pensa che basti inserirlo tra gli spazi interprossimali e muoverlo avanti e indietro; questo movimento non serve a nulla.
Bisogna abbracciare il dente formando una C e far scivolare il filo dal solco gengivale verso il basso per i denti superiori e verso l’alto per i quelli inferiori, eseguendo movimenti avanti e indietro, affinché si rimuova la placca, ma delicati per non danneggiare la gengiva.
Per un corretto utilizzo bastano pochi accorgimenti:
• tagliare il filo della stessa lunghezza che c’è tra la nostra mano ed il gomito, per usare sempre una parte pulita, evitando una contaminazione,
• avvolgere le due estremità nel dito medio e avvolgere poi tutta la lunghezza sul dito medio della mano dominante lasciando tra le 2 dita circa 4/5 cm di filo che terremo in tensione con l’indice e il pollice,
• posizionare il filo in prossimità dello spazio interdentale facendolo scivolare all’interno dello spazio con dei movimenti avanti e indietro,
• abbracciare il dente formando una C,
• eseguire movimenti decisi contando fino a 6,
• effettuare la stessa procedura in tutti i denti, facendo attenzione ad utilizzare sempre filo pulito arrotolano da parte usata sul dito medio della mano sinistra (se siamo destri) e procedendo a srotolare filo pulito dal dito medio della mano destra.

Per le persone che hanno difficoltà motorie o trovano difficile utilizzare il filo tradizionale sono disponibili degli archetti monouso, in cui il filo è già montato orizzontalmente su due astine a Y.

https://amzn.to/3b7yJ7x

Il passaggio non deve essere doloroso, all’ inizio si può avere difficoltà e le gengive possono sanguinare, ma deve essere una situazione momentanea, se persiste nel tempo rivolgetevi alla vostra Igienista di fiducia, perché deve valutare il vostro stato di salute e di conseguenza suggerirvi i prodotti adeguati.
Bisogna iniziare ad utilizzare il filo interdentale tra i 10-13 anni, dopo che sono caduti i denti da latte.
Prima si inizia, prima diventa un’abitudine di vita!

Lo scovolino è un piccolo spazzolino, costituito da un manico e da una testina con un’anima di metallo e ricoperta da setole.
Deve entrare in modo adeguato negli spazi: non deve essere né troppo sottile rispetto allo spazio interdentale, perché altrimenti non pulisce correttamente, né troppo grande, perché non si devono avere difficoltà ad inserirlo. Esistono per tale motivo diverse dimensioni di tale strumento.
La scelta dello scovolino più idoneo alle nostre esigenze deve essere affidata all’igienista/dentista di fiducia.
Un piccolo consiglio per evirare di lesionarsi rante l’utilizzo: inclinare leggermente la parte delle setole verso il dente.

In commercio trovate diverse tipologie di scovolini, con manico lungo e scovolini intercambiabili, codificati per colore, per forma, con manico corto ed ergonomico, di marche diverse ecc.. ne ho testati diversi modelli prima di decidere quale “tipologia” consigliarvi, per ergonomia e confort di utilizzo mi trovo molto bene con gli scovolini Tepe (come quelli che vedete nell’immagine).

https://amzn.to/3b7yJ7x


E per chi ha ponti, corone o impianti?
Abbiamo un filo idoneo a queste situazioni, il SuperFloss, che grazie alla sua conformazione, permette di rimuovere la placca e i residui di cibo negli spazi vuoti e al di sotto del bordo gengivale. È composto da una prima parte più rigida per facilitare l’inserimento nello spazio interprossimale, una parte centrale spugnosa (quella da utilizzare per la rimozione della placca) ed una parte terminale molto simile al classico filo interdentale.

https://amzn.to/35AjoLs

Concludendo, per eliminare la placca è meglio usare lo scovolino, ma nel caso di spazi stretti è consigliato il filo interdentale.

Al prossimo articolo,

Luana

Link per ricambi testine spazzolino elettrico:

https://amzn.to/3b3RI2v

https://amzn.to/3fpCOXI